Don’t piss PUS BOMB off

Più guardo questa stanza e questo diario e più mi domando perchè io… Ah sì, colpa della stronza di turno, che deve sempre tirarmi in mezzo.
Ero in sala mensa a farmi i cazzi miei, quando quell’altezzosa è venuta a rompere il cazzo a me, a me dico. Se ci ripenso rido ancora.

Primo giorno di scuola, avevo pensato che non era iniziato poi malaccio. Professori quasi simpatici, compagni nella media e materie quasi interessanti, finchè non è arrivata lei.

Ero li che leggevo il mio fumetto preferito, mentre pranzavo da sola al tavolo, con tutti i miei libri sparsi e lei che fa… si siede vicino a me.. A me!! Ci rendiamo conto????
Che cazzo di fastidio ti do, dimmelo, io con i miei abitoni stra larghi, io che amo nascondermi da tutti ed evitare l’attenzione, io che se potessi sparire lo farei, ma no tu oca giuliva, devi venire a toccare le mie cose.

Eccola seduta vicino a me che con la sua voce stridula e fastidiosa mi chiede che cosa leggo e poi me lo strappa di mano. Biascico una risposta e le chiedo di lasciarmi in pace, ma il terrore è dietro l’angolo, non solo lei si avvicina, ma anche le sue amiche. Tipe truccate, pettinate e vestite alla moda, tipe il cui unico scopo nella vita è farsi desiderare.

Io non ero così, ho ricordi di essere stata una bambina solare, ma con l’adolescenza sono cambiata, la mamma dice che è da quando c’è stato l’incidente. Ma a me non importa, io mi piaccio così, mi piace perdermi tra i miei libri, tra i miei videogiochi, tra le mie miniature e i miei draghi, mi piace staccarmi da questo schifo di vita e essere me stessa.

Ma ritorniamo a noi, lei davanti a me, le sue amiche intorno a me, io mi sentivo piccola piccola, ma forte, è quello che mi rendeva strana e quasi euforica. Finchè non ha strappato il mio fumetto.

Ecco, lì si fa tutto oscuro.

Ricordo una voce provenire dalla mia testa e un urlo agghiacciante.

Finchè lei non si è riempita di brufoli, brufoli grandi, brufoli enormi e dopo aver sentito lo schiocchio nella mia testa e aver visto il suo volto, sono scoppiata a ridere, una grande risata liberatoria, mentre lei e le sue amiche urlavano di terrore. Credo che neanche il fondotinta più costoso riuscirà a coprire quell’orrore.

Ecco perchè sono qui, sono in punizione per aver desiderato che alla futura reginetta del ballo della scuola di staminchia apparissero brufoli in tutto il viso. Se ancora ripenso alle loro grida, rido di gusto. Che poi io avrei desiderato farle esplodere la testa, ma mi sa che dall’incidente sono riuscita a ricevere solo questo, ma mi accontento, insomma sono un supereroe, si, ok non sono Superman, ma magari in futuro posso scoprire che se mi concentro bene, potrei farla esplodere veramente, la testa.

PUS BOMB

1504474_10203954038238292_870348112252721706_ook

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s