Venite nelle colonie Extra-scuola!

No, dico, è uno scherzo, vero?
Dai, ditemi dov’è la telecamera nascosta e facciamola finita qui e subito.
Io dovrei iscrivermi a un gruppo per l’attività extra scolastica? Io? Proprio io?
No, Professor Zi, ho già abbastanza problemi e non ho nessuna voglia di caricarmene altri. Sopporto con fatica le normali giornate rinchiuso in quella selva di selvaggi che è la mia classe, si figuri se vado a iscrivermi a uno di sti club! Ma manco morto.
E se mi si allunga senza che io lo voglia? Già faccio fatica a contenere la mia “caratteristica speciale” in circostanze normali, figuriamoci con un gruppo di perfetti sconosciuti! No, piuttosto rosolatemi le chiappe su una griglia, non esiste proprio!
Lo so che il Lumacone ci tiene un sacco a ste stronzate, ma a me non me ne frega una beata fava lessa. Quindi no, la risposta è no.

E poi, sentiamo, cosa potrei fare di bello?

Il giornale scolastico? Ma figuriamoci, per me potrebbero morire tutti domani, non me ne può fregar di meno delle varie “notizie” sugli accadimenti scolastici. E poi, che notizie si scrivono in un giornale studentesco? “Parte la raccolta fondi per le vittime della testa nel cesso”? “Il Preside ha un nuovo gattino e ha postato la sua foto su Feisbuc”? “La Megattera d’italiano è a dieta e quindi mangerà solo più due porchette al giorno”? Ma per favore, conosco modi molto più divertenti di perdere tempo.
Ah beh, volendo c’è il club di economia domestica e artigianato, un vero crogiuolo di sfigati che non sanno fare un cazzo di niente e si rifugiano lì, tanto perché da qualche parte devono andare. No, grazie, passo, sono già abbastanza sfigato di mio.
Potrei iscrivermi al gruppo multimediale, che ne dice Professore? Magari da quelle parti serve proprio uno con l’unghia allungabile! Che ne so, potrei tagliare i biglietti da visita, oppure fare i coriandoli per il ballo che organizzano st’invasati tutti gli anni, oppure potrei tagliare i biglietti d’ingresso per il teatro. Sì sì, tutte prospettive mooolto interessanti!
Magari vado nel gruppo culturale, l’unico gruppo dove il cervello è inversamente proporzionale alla presenza sociale dei propri iscritti. Ma, purtroppo, non ho gli occhiali con le lenti spesse quindi nisba. Peccato, eh?
Scacchi e matematica sono l’ultima scelta. Cacchio, nientepopòdimeno che unbelmucchiodipopò. Sicuramente lì la mia autostima si gonfierebbe più della prof d’italiano. Voglio dire, lei ha presente chi sono gli sfigati che viaggiano lì dentro? No, dico, io potrei essere il più normale, e le ho detto tutto. No, Sfigolandia la escludo a priori.

Però c’è un però.

La mia media dei voti è semplicemente tremenda, e queste cagate di attività danno un bel po’ di crediti. Che palle, non voglio iscrivermi! No, dico, pensa se nel mio gruppo entrasse la sciroccata che grida “Lode a Satana!” per tutto il giorno? O quel pagliaccio di nonmiricordomancoilnome che crede di fare il simpa ma che dovrebbe prendere un paio di lezioni.

No no, non esiste.

Qui serve un piano d’azione. Dunque, guardo chi c’è nei vari gruppi e scelgo in base alla gente che s’iscrive. Ecco sì, ottimo piano.
Poi però corro il rischio di finire a Sfigolandia o, peggio, nel giornale scolastico di sta fava…
OK, niente panico. Probabilmente in mensa ci saranno i vari Capigruppi pronti a raccogliere iscrizioni, manco fossero dei venditori di enciclopedie porta-a-porta. Facciamo così: domani guardo in mensa chi c’è e chi non c’è, poi decido.

A me sembra un buon piano, mi faccia gli auguri, Professore.

 

10689863_10205121455783132_2753691408940992114_n

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s